Archivi

Sepia by Niko: MADiterranean Saturnia experience

Sepia by Niko: MADiterranean Saturnia experience

L’arrivo dell’estate, per il secondo anno, ha il profumo irresistibile della pesca Saturnia nell’interpretazione di un grande chef delle Marche.

L’anno scorso ha avuto la femminilità di Rosaria Morganti, l’eleganza di Alessandro Rapisarda e l’audacia di Umberto Bentivoglio mentre quest’anno abbiamo proposto a Marco Eleuteri di far sbizzarrire Niko Pizzimenti, del ristorante Sepia by Niko, in una delle cene saturniche che tanto amiamo per il clima disteso e festivo che riescono a creare, complice un’eccellenza del territorio.

La cucina di Niko Pizzimenti è divertente, audace e caleidoscopio di tutti i sapori e colori che il Mediterraneo è in grado di regalare: le sue origini siciliane, i viaggi all’estero tra Australia e Oriente, il ritorno a Senigallia.

Tutto in ogni boccone.

MADiterranean flavour: quella deliziosa follia che autorizza lo chef a giocare tra partenze, transiti e arrivi a garanzia di un viaggio spassoso, soprattutto.

“Sbizzarrisciti!” gli abbiamo detto consegnando qualche pesca per fare le prove.

“Dove posso arrivare?”

“Non hai limiti.”, già consapevoli di cosa era capace.

Così ci siamo ritrovati il palato su una custom, una Midnight Star carica di brio e spensieratezza pronta per un on the road da Senigallia destinazione Sicilia.

Un viaggio intenso, marino e sempre più audace, uno di quelli da godersi sul sellino posteriore, allargando le braccia e respirando il profumo intenso della salsedine e della macchia a occhi chiusi, lasciando libera la mente di assorbire ogni cosa e renderla memoria.

Pronti a salire in sella?

PROSCIUTTO DI MUGGINE, N’DUJA, RAPA ROSSA E SATURNIA GLACIALE

 PROSCIUTTO DI MUGGINE, N’DUJA, RAPA ROSSA E SATURNIA GLACIALE

La partenza: un meraviglioso panorama di colline e saliscendi a strapiombo sul mare. Quel mare che non ti mollerà un secondo e si farà sempre più insistente nel raccontarti le sue storie.

Quel mare visto dal Conero appena qualche chilometro dopo aver iniziato il viaggio, carico di promesse e aspettative con la mente già proiettata alle tappe successive.

Il cefalo è stato trattato come un prosciutto, mettendolo sottovuoto con zucchero, sale, spezie e poi tagliato sottile, reso intrigante da un olio di n’duja calabrese (di ispanica memoria e ispirazione nel gesto di Adrià di condire il suo tonno con olio di jamòn), panna acida al lime a rinfrescare e crema di barbabietola rossa. A concludere foglie di melissa come un giardino all’alba coperto di una rugiada di Saturnia.

TONNO AL CUBO, AGRETTI AIO E OIO, SATURNIA GRIGLIATA & CO.. 

TONNO AL CUBO, AGRETTI AIO E OIO, SATURNIA GRIGLIATA & CO..

Uno dei piatti più riusciti e iconici di Sepia è il cubo di tonno. Il piatto è composto da un cubo di tonno shabu shabu (una “versione giapponese” della bourguignonne in cui pezzi di carne e verdure miste vengono intinti in un brodo caldo posto al centro della tavola e cotti appena), caramello di burro scottato con la fiamma, il tutto dolcemente posto sopra una crema di prezzemolo con cui sono stati conditi gli agretti aglio e olio. In questa versione che cede il passo all’eleganza della Saturnia, la pesca viene proposta in tre versioni di accompagnamento: al naturale, alla shabu shabu e in leggera fermentazione.

Il risultato è vincente nella cottura appena accennata degli elementi che mantengono i profumi e il giusto mix di croccantezza e arrendevolezza al palato.

Le curve del nostro viaggio iniziano a farsi più intense e sul volto si accenna un sorriso divertito.

RISOTTO E GRANCELLE ALLA SENIGALLIESE, PESCA SATURNIA FERMENTATA  

 


RISOTTO E GRANCELLE ALLA SENIGALLIESE, PESCA SATURNIA FERMENTATA
Il risotto è il comfort food per antonomasia; questo è proprio il piatto da vacanza a Senigallia con il riso “Rosa Marchetti” addobbato con tutti i profumi che rimandano la mente alla villeggiatura da Riviera. Le grancelle in cottura rilasciano tutti i loro umori marini e vanno a braccetto con la salsetta al prezzemolo, sua complementare in colore e sapore.

La Saturnia fermentata è resa crema per la mantecatura a donare profumi gentili ma intensi che avvolgono olfatto e gusto nella speranza che questo piacere raffinato finisca il più tardi possibile.

SALT N PEPPER BBQ TOTANI, SWEET CHILLI E OSMOSI DI PESCA SATURNIA  

SALT N PEPPER BBQ TOTANI, SWEET CHILLI E OSMOSI DI PESCA SATURNIA

“Fritto è buono tutto” è un mito da sfatare dato che anche il più semplice “cuoppo” da passeggio può diventare esperienza di salivazione o crisi digestiva per la settimana a venire.

Detto ciò in questo piatto abbiamo trovato un perfetto connubio di sapori fusion: i totani fritti classici siciliani si sono incontrati in una jam session con le esperienze estere dello chef tra sapori e preparazioni: un salt n pepper che arriva dall’Asia insieme alla sweet chili.

I totani fritti quindi sono resi intriganti e unici dal sale/pepe, dalla salsina barbecue con miele di girasole e soia e dalla Saturnia in osmosi a legare tutto con la sua croccante dolcezza.

La sweet chilli invece viene preparata con le bucce della pesca che vengono cucinate con cipolla, peperoncino e un goccio d’aceto.

Il palato è al culmine dell’estasi in un ballo ancestrale e primitivo; niente coccole da questa frittura, niente tenerezza ma morsi e spasmi di piacere. L’umami come desiderio da raggiungere.

Noi lo abbiamo abbinato a un Villa Bucci del 2010. Quando ci si trova senza nemmmeno cercarsi.

Ripetiamo nuovamente: è così che si fa!

PANNA COTTA, RICCI DI MARE, SATURNIA E.. SURPRISE SURPRISE  

PANNA COTTA, RICCI DI MARE, SATURNIA E.. SURPRISE SURPRISE

C’era una cosa con cui la Saturnia non aveva ancora avuto un incontro e che trova nella nota vegetale un connubio perfetto: la cannabis (legale, ovviamente), grattugiata al momento.

Una classica panna cotta addolcita dalla Saturnia candita e impreziosita da una “salsa mou” ai ricci di mare. Da aggiungere a piacere, come una pioggia estiva, la zuppetta fredda di pesca per affogare il tutto in un maremagnum di sapori.

Femminile e maschile allo stato puro tra consistenze arrendevoli, profumi “verdi, rosa e azzurri” in un viaggio strepitoso lungo la costa.

Un sapore che rimanda la mente a un’adolescenza spensierata e senza tempo, fatta di mare e leggerezza a ogni cucchiaio.

Chiudi gli occhi e hai l’estate addosso, sulla lingua: l’odore del sole carico di salsedine e scaglie di mare, i profumi dell’orto che arrivano da lontano insieme al canto dei grilli,  i frutti ancora gonfi di sole.

E’ tutto lì, nel lusso semplice delle cose fatte bene da un MADiterraneo generoso e altruista.

 

 

 

Pesca Saturnia ®, uno sguardo alle ultime annate

Care Amiche e cari Amici della Pesca Saturnia ®,

adesso che l’annata 2017 è giunta agli sgoccioli (il prodotto terminerà nei primi giorni di settimana prossima), proviamo a dare uno sguardo alle ultime annate, cercando di rintracciare similarità e differenze.DSC_4425Un discorso tipico dei grandi vini, ma del tutto sensato anche con la frutta top, che è tracciabile e’sente’ l’annata alla pari delle migliori uve da vino.

Figuriamoci con la Pesca Saturnia ®, vero e proprio cru di pesche, almeno secondo l’autorevolissimo giudizio di My Fruit.

2017: Una qualità omogenea per tutto l’arco di produzione, da fine maggio a fine agosto. Ottima consistenza, dolcezza eccezionale (grazie al sole), ottimi profumi. In alcuni momenti è ‘mancato’ un po’ di succo. Ma la siccità, pazzesca sulle colline di Montecosaro come in tutta Italia, non ha dato tregua. **** 1/2

Apertura - Copia

La Pesca Saturnia ® al ristorante ** Uliassi, 23/06/2017

2016: Una annata meteorologicamente equilibrata che diede frutti equilibrati. L’apice fu raggiunto a fine luglio/inizio agosto. Dolcezza media (per la Pesca Saturnia ® si intende, ovvero nettamente superiore alla media delle pesche piatte normali), profumi insistiti di albicocca e rosa rossa. **** 1/2

2015: Ad oggi, l’annata migliore. Consistenza perfetta, dimensioni ‘monstre’, succo a profusione, profumi che spaziavano dalla rosa alla vaniglia, gusto eccezionale. Qualità non molto omogenea, con quelle di inizio agosto dalla piacevolezza ai limiti del credibile. *****

2014: Il ricordo è quello di una primavera e una estate fredde e piovose. Ma proprio in quell’annata si sentì tutto il valore della Pesca Saturnia ®, che staccò le pesce piatte normali in maniera francamente imbarazzante. Consistenza appena legnosa a inizio stagione, profumi floreali, ottimo succo. Quelle di fine produzione furono eccellenti, grazie al pesante lavoro di diradamento. ***

riso

Risotto alla rosa damascata, Pesca Saturnia ® e zenzero. Un piatto gigantesco del ristorante *** Le Calandre di Rubano (PD)

La Pesca di Giovy

Giovy Malfiori è una delle principali blogger nazionali di viaggi, lifestyle (come si dice) e food.

Giovy-Rosa-300x300

Riuscendo ad unire una profonda cultura classica ad una conoscenza della geografia che ha dell’incredibile.

Soprattutto Giovy è una nostra amica, che anno scorso venne a trovarci insieme al compagno (e collega) Gianluca Vecchi.

Pochi giorni fa, Giovy ha pubblicato sul suo seguitissimo blog di viaggio alcune riflessione sulla Pesca Saturnia.

Utilizzando la Beneamata come filo conduttore per una riflessione sulla cucina marchigiana e tutte le Marche.

Fino a concludere:

“La sapete tutti la storia della Madeleine di Proust, vero? Ecco, io sono convinta che nella nostra vita ci siano un’infinità di Madeleine di tipo diverso, soprattutto quando si parla di gusto. Non tutte si legano ad un ricordo della nostra infanzia e molte di loro sono legate al ricordo di un viaggio, di un territorio e di ciò che rappresenta. Ho voluto scrivere questo post perché giorni fa ho addentato la prima pesca di questa estate 2017. La prima di molte, mi auguro. Il primo morso di dolcezza misto ad acidità, il primo sbrodolìo immancabile non appena i miei denti attraversano la pelle del frutto. Tra le mie mani avrei voluto avere una Pesca Saturnia®, sotto i denti avrei voluto avere una Pesca Saturnia®, sotto i miei piedi avrei voluto ancora la terra delle Marche, luogo dove spero di tornare con uno zaino pieno di curiosità e sorrisi.”

Una cosa che ci onora profondamente.

054Quindi cosa aspettate?

Andate a leggere il meraviglioso pezzo di Giovy, qui

 

La Pesca Saturnia ® come ‘case study’ internazionale

Care Amiche e Cari Amici,

come Vi avevamo anticipato qui, Il 6 maggio a Lleida, in Catalogna, il Nostro Brand Ambassador Marco Eleuteri è stato invitato a parlare in un convegno organizzato dal Ministero dell’Agricoltura della Catalogna.

Il convegno – per la precisione la “Giornata di riflessione sul futuro della peschicoltura spagnola e catalana“, ha visto la presenza di relatori provenienti da tutta Europa.

Obiettivo dell’incontro era quello di proporre possibili soluzioni per migliorare la situazione del comparto frutticolo della regione, imponente per dimensioni ma in crisi di vendite. All’incontro hanno partecipato i maggiori operatori catalani di settore e l’intera dirigenza del Dipartimento Agricoltura regionale, con a capo la Ministra Meritxell Serret.

Uno dei due invitati stranieri venuti ad illustrare casi imprenditoriali di successo è stato proprio il nostro Marco, che ha descritto il case history della nostra Pesca.

La Pesca Saturnia ® è stata presa ad esempio virtuoso di promozione e valorizzazione del Made in Italy, e a modello che può dare spunti e suggerimenti preziosi anche agli agricoltori catalani per la giusta valorizzazione dei loro prodotti.

Al termine della relazione la Ministra Serret ha ringraziato Marco Eleuteri per aver accettato l’invito a dare il suo apporto.

Eleuteri_Serret_06may17

Marco Eleuteri con la Ministra dell’Agricoltura della Catalogna Meritxell Serret

Io e la mia famiglia siamo estremamente onorati di questo invito. Un invito che ha un valore a nostro parere rilevantissimo, visto che proviene dalla prima regione spagnola per la produzione di frutta dolce e, soprattutto, dall’area produttiva più importante al mondo per la coltivazione di pesche piatte. Credo si tratti di un riconoscimento del quale tutta la nostra provincia debba andare fiera”, ha concluso Marco Eleuteri.

Andiamo a spiegare. Con umiltà. E molto, moltissimo orgoglio

La Spagna è quantitativamente il primo produttore di frutta dell’Europa Occidentale.

Come l’Italia per il vino e l’olio extravergine, tanto per intenderci.

Per questa ragione l’invito al nostro Brand Ambassador Marco Eleuteri a parlare del successo della nostra Pesca Saturnia ® in un convegno di primo piano in terra iberica assume un significato – francamente – rilevantissimo.

MarcoEleuteri

Marco Eleuteri, Brand Ambassador Pesca Saturnia ®

Marco parlerà della nostra Pesca, la Pesca Saturnia ®, la Pesca delle colline maceratesi, al convegno del prossimo 5 maggio a LLeida.

Un convegno che farà il punto su produzione, commercializzazione e consumi della frutta fresca.

Un successo solo secondariamente di promozione, ma principalmente di prodotto. Un prodotto unico, che fa parte del meglio dell’agroalimentare regionale e – possiamo dirlo? – nazionale.

[Se volete ulteriori informazioni potete andare qui]

UNO-211

Giorgio Eleuteri, padre della Pesca Saturnia ®

Il convegno vedrà la presenza dei più importanti operatori spagnoli (tra questi Afrucat e Fruit de Ponents, probabilmente il maggior operatore di pesche, albicocche, prugne e ciliegie della regione) e due soli ospiti stranieri. Uno dei quali, appunto, il nostro Marco.

Un risultato inequivocabile, del quale tutti noi marchigiani dobbiamo essere fieri.

AC7A1138

Ma i festeggiamenti durano un attimo, perché noi siamo marchigiani.

E dunque sotto con il lavoro.

I pescheti sono in ottima forma, e inizieranno a darci la Beneamata a partire dalla fine di maggio.

Manca dunque pochissimo!

A presto!

SAT1-39

 

Peach movies

Altro che pop corn movies!

Ecco qui quattro video targati 2015 con la Pesca Saturnia ® protagonista.

Buona visione.

Pesca Saturnia ® frullata con menta e latte di mandorle

Pierre – Dolce al Cuore al lavoro

Marche delle Meraviglie a Montecosaro parte C

Polpette d’oca, pecorino e pistacchi con cetrioli e salsa di Pesca Saturnia ®

una estate indimenticabile

L’estate 2015 sta volgendo al termine, ma per la Pesca Saturnia ® è già terminata.

AC7A4398

Una estate che – complice il meteo particolarmente favorevole – ha restituito frutti di qualità pazzesca.

Il gradimento di Voi Amici è stato davvero molto elevato, e la cosa ci onora: per questo motivo siamo già al lavoro per mantenere nel 2016 lo standard qualitativo al quale Vi abbiamo abituati.

Grazie a tutti Voi che ci seguite e soprattutto acquistate la Pesca Saturnia ®.

E grazie a tutti gli Amici che ci hanno seguito durante gli eventi.

AC7A8860

PizzaSaturnia

Da PizzaSaturnia alla cena gourmet di Saturnalia, è stato un susseguirsi di successi.

orto_nel_piatto

Saturnalia

Culminati nell’evento all’Expo di Milano, il 10 giugno 2015.

expo005

Expo

satur-expo_0268

Expo

Ma c’è di più.

Durante l’inverno ci saranno un paio di sorprese grandi grandi.

Voi continuate a seguirci: venerdì inizieremo il reportage della cena fatta alla Luma di Montecosaro (MC) – ristorante che è un pò una seconda casa per la Pesca Saturnia ® – nel mese di luglio scorso.

A venerdì!

 

La PS su Reporter Gourmet

Non è nostra usanza scrivere articoli riguardanti la rassegna stampa (davvero molto consistente) che tutte le testate – cartacee e online, generaliste e spiecializzate – dedicano – onorandoci – alla Pesca Saturnia ®.

Ma oggi siamo quasi costretti a farlo, visto che stavolta siamo finiti addirittura su Reporter Gourmet.

 

Testata giornalistica tra le più colte dell’intero panorama enogastronomico nazionale, diretta da Pietro Pitzalis, Reporter Gourmet annovera tra i collaboratori giornalisti di prim’ordine come Alessandra Meldolesi.

Il tutto ‘incorniciato’ da una veste grafica di estrema eleganza.

Ecco qui l’articolo, particolarmente lusinghiero nei confronti della Pesca Saturnia.

Grazie di cuore, siamo onorati.

E buon Ferragosto a tutti!

AC7A1038