Archives

Breganze Torcolato, spicchi di Pesca Saturnia ®

Potrà sembrare strano, ma non si vive di solo Moscato!

Oggi ci spostiamo in Veneto, sui colli Vicentini, per la precisione a Breganze.

Zona non lontana dalla splendida Bassano del Grappa, Breganze ha nel Torcolato, vino passito e dolcissimo, la propria perla.

Il Breganze Torcolato di Maculan, certamente uno dei migliori [immagine corso101.com]

Un vino dolce, come dicevamo, ma non stucchevole: questo grazie alla spiccata sapidità, tipica del vino, frutto dei terreni di origine vulcanica.

Una sponda meravigliosa per la Pesca Saturnia ® consumata al naturale.

O anche con un pezzo di Gorgonzola

AC7A8800

Salute!

Moscato d’Asti, spicchi di Pesca Saturnia®

Amici della Pesca Saturnia®!

Il nostro tour enologico prosegue, dopo il suggerimento di altro ieri, quando Vi abbiamo consigliato il meraviglioso Moscato Fior d’Arancio del Veneto come accompagnamento.

Quello con il Moscato è un matrimonio di eccezione, che sottende una profonda analogia: alla pari della Pesca Saturnia®, i migliori Moscato nascondono, sotto una apparente semplicità, una nobiltà assoluta.

E se il Moscato Fiori d’Arancio è una piccola chicca per intenditori, il discorso cambia parecchio quando si parla di Moscato d’Asti.

il Moscato d’Asti di Saracco, uno dei migliori produttori in assoluto [immagine iwine.bio]

Ci spostiamo in Piemonte, forse la principale regione d’Italia per il vino in senso assoluto.

Zona di vini rossi immensi (Barolo, Barbaresco, Gattinara), il Piemonte ha nel Moscato d’Asti la punta di diamante in versione dolce.

Tecnicamente si tratta di un mosto parzialmente fermentato, di bassa gradazione (solitamente è a 5%, quindi analoga ad una birra), che ha nella fragranza dei profumi la carta vincente.

Una meraviglia: muschio (da cui il nome), pesca, vaniglia, timo.

E un sapore dolce, che però non stanca mai grazie alla frizzantezza molto discreta.

AC7A1100

Salute! E soprattutto buon appetito 😉

 

Moscato Fior d’Arancio, spicchi di Pesca Saturnia ®

Amici della Pesca Saturnia ®la Rolls Royce delle Pesche è finalmente arrivata sul mercato!

Per un elenco dei punti vendita, andate qui.

Anche nella annata 2016, sentiamo di ripetere con convinzione che il consumo ideale resta quello nature, senza togliere la buccia: merenda ideale anche per i Vostri Bambini.

IMG-20140510-03605

Giorgio Eleuteri, il Papà della Pesca Saturnia ®

Ma non si vive di sola materia prima, e allora eccoci con un nuovo abbinamento enoico.

Oggi ci spostiamo in Veneto, una delle regioni dove ci sono più fan, per raccontarVi un grande vino dolce, il Moscato Fior d’Arancio, proveniente dai Colli Euganei.

Ci troviamo in provincia di Padova, vicino alle Terme di Abano, in una zona di rara bellezza.

[immagine fiordaranciodocg.name]

Spumante delicato e dalle spiccate note di zagara (ovvero fior d’arancio), leggermente più corposo del ‘cugino’ Moscato d’Asti, è una sponda meravigliosa per la Pesca Saturnia ®.

 - Fior d'Arancio Docg

[immagine fiordaranciodocg.name]

Salute!

Gli amici della Pesca Saturnia ® – capitolo IV

Oggi è la volta di Biagioli Vini, agenzia di rappresentanza e distribuzione vini, con annessa enoteca superspecializzata di Fano (PU).

Guidata commercialmente dall’amico Federico Chiacchiarini, Biagioli ha nel proprio catalogo diverse chicche provenienti da tutta Italia.

biag

Federico Chiacchiarini

Biagioli è stato nostro partner enoico della magica, indimenticabile serata di Uliassi on the Peach dello scorso 11 luglio, quando lo chef due stelle Michelin Mauro Uliassi deliziò una platea di cento persone (sì, avete letto bene: cento persone) con una cena Tuttosaturnia dagli esiti *colossali* (il dettagliatissimo reportage parte da qui).

I vini utilizzati furono il Verdicchio di Matelica 2013 di Collestefano, il Verdicchio dei Castelli di Jesi classico riserva San Paolo 2010 di Pievalta, e il Moscato d’Asti 2013 di Saracco.

Il meglio del meglio delle rispettive denominazioni (e che denominazioni). E infatti tutti e tre i vini riscossero un grande successo.

Grazie Biagioli Vini!

AC7A6308

Tavolo di Pesca Saturnia ® durante ‘Uliassi on the Peach’

 

 

 

Gli amici della Pesca Saturnia ® – capitolo III

E venne l’ora della Tenuta Colli di Serrapetrona, nostro partner del pranzo Tuttosaturnia di luglio scorso al ristorante La Luma

blink

Azienda innovativa non tanto per la gioventù anagrafica, quanto per la filosofia di interpretazione del vitigno vernaccia nera, Colli di Serrapetrona ha deciso di non produrre Vernaccia di Serrapetrona, tipico spumante rosso dal carattere robusto e rustico, ma di declinare la vernaccia in rossi fermi (qui sotto il Collequanto) e spumanti freschi (qui sopra il Blink, eccellente aperitivo che non rinuncia al proprio carattere varietale).

 

robb2

tom

Daniele Tombolini, responsabile commerciale della azienda

Memorabile l’abbinamento tra Robbione, simil Amarone, e la quaglia.

Grazie alla azienda e complimenti!

 

la Pesca Saturnia ® ai Due Cigni – capitolo IX

le tre dimensioni della Saturnia: soufflé bianco, sorbetto, ghiaccio di Saturnia e mandorla

AC7A8890

AC7A8906

Quando, i giorni precedenti la serata ai Due Cigni, avevamo letto che il dessert sarebbe stato un soufflé, piatto tipico della stagione fredda, rimanemmo piuttosto sbalorditi. E dubbiosi.

AC7A8904

Sbagliavamo. Nonostante il diluvio di sapori e la notevole articolazione, il piatto riesce a mantenere leggerezza.

AC7A8907

Risultato: dolce rinascimentale ed imponente, sfrontato e godurioso. In una parola: eccezionale.

AC7A8908

AC7A8865

IMG_1074

AC7A8885

[immagini: Monica Palloni]

la Pesca Saturnia ® ai Due Cigni – capitolo VII

Effetto d’oca alla doppia marinatura nella Saturnia speziata

AC7A8854

AC7A8850

Dopo l’anatra di Uliassi e l’agnello di Alajmo, un nuovo secondo piatto con una carne tendenzialmente morbida come protagonista. Piatto di costruzione ‘orizzontale’, nel quale l’oca è centrale, supportata da un pomodorino ‘confit‘ di straordinario livello.

Eccellente il dialogo tra Pesca Saturnia ® e oca.

E’ il piatto che ha riscontrato il maggiore successo.

AC7A8857

Risultato: grande tecnica e materia prima. A nostro parere manca un filo di spinta al sapore.

AC7A8811

Giovanni Basso, enologo della azienda Fontezoppa, partner vinicolo dell’evento

AC7A8885

[immagini: Monica Palloni]

la Pesca Saturnia ® ai Due Cigni – capitolo V

Zuppa di cozze e Pesca Saturnia ® al timo limonato con pane di Saturnia

AC7A8826

AC7A8827

Dobbiamo ammettere che da tempo sentivamo in giro della grande sintonia tra cozza e Pesca Saturnia ®, ed in effetti le aspettative, molto alte, sono state mantenute.

Merito anche della qualità della materia prima, che in questo caso sono i Mòscioli (ovvero le cozze) di Portonovo. Raccolti selvatici, ovvero non allevati, lungo le coste del Monte Conero, nei pressi di Ancona, solo dopo aver raggiunto la taglia XXL, i Mòscioli presentano una nota marina e di alghe molto intensa.

Il piatto ricorda nella struttura e nella meccanica di consumo il celebre sandwich di triglia di Uliassi. Con una differenza nelle consistenze: in questo caso il pane, e il risultato di insieme, è più morbido.

AC7A8828

Risultato: piatto di notevole finezza, anche se un tantino macchinoso da consumare.

IMG_1040

AC7A8818

AC7A8820

AC7A8816

AC7A8885

[immagini: Monica Palloni]

Ricetta: Pesche Saturnia ® al vino bianco

In queste settimane l’abbiamo provata in tutte le salse.

AC7A6294E l’abbiamo fatta interpretare a Chef di livello mondiale come Moreno Cedroni, Mauro Uliassi e Massimiliano Alajmo.

Oggi torniamo sulla Terra, per una ricetta facile facile e dal risultato sicuro.

  • Poniamo un bicchiere di vino bianco dolce (preferibilmente aromatico, come Moscato, Malvasia, Gewürztramier, ecc…) e un kg. di Pesche Saturnia ® sbucciate e tagliate a pezzi abbastanza grandi in una padella antiaderente, e cuociamo a fuoco medio;
  • attendiamo che il vino sia evaporato e che le Pesche si siano intenerite, facendo attenzione a non caramellare le Pesche e a far evaporare completamente l’alcol (occorrono 5-10 minuti);

Possiamo provarle calde e nature, oppure, giocando sul contrasto delle temperature, in accompagnamento a del gelato, ricordandoVi che le frutte che meglio si sposano sono albicocche e mandorle.

Oppure possiamo affogarle in un latte di mandorle freddo di temperatura.

Oppure possiamo attendere che raggiungano la temperatura ambiente, metterle in frigo per un’ora e mangiarle da sole e belle fredde.

AC7A6308

E buon appetito! :)

[Immagini: Monica Palloni]

 

la Pesca Saturnia ® e i grandi Chef. This is the last chance

Venerdì prossimo, 01 agosto, alle 20,30 al ristorante Due Cigni di Montecosaro (fraz. Montecosaro Scalo – MC) si terrà l‘ultima serata di incontro la tra Pesca Saturnia ® e grandi Chef.

Dopo la volta di Mauro Uliassi (ristorante omonimo, Senigallia), Moreno Cedroni (la Madonnina del Pescatore, Senigallia), Maria Rosa Tarantini (Galileo, Civitanova Marche), Max Alajmo (le Calandre, Rubano) e Giovanni Bartolini (la Luma, Montecosaro), il tour Tuttosaturnia si concluderà con una autentica ambasciatrice della Pesca Saturnia, la Chef Rosaria Morganti.

002Profonda conoscitrice della tradizione marchigiana e delle più raffinate tecniche di cucina, Rosaria mette sempre il sapore al centro del piatto, fatta salva ovviamente la stagionalità.

Venerdì prossimo Rosaria ci farà compiere un autentico volo sopra la Rolls Royce delle Pesche.

La Saturnia ® dalla A alla Zeta.

PescaSaturnia 2cigni

Prezzo difficile da commentare.

In abbinamento i vini della civitanovese Fontezoppa.

Ad attendervi ci saranno Francesco Annibali, critico enogastronomico, responsabile comunicazione Pesca Saturnia ® e autore del presente blog, e Marco Eleuteri, Ambasciatore della Pesca Saturnia ®.

A venerdì!