P&P. Pesca Saturnia ® & Prosciutto. Crudo, ovviamente

Prosciutto, perexsuctum. ‘Prosciugato’, in latino.

Questo capolavoro dell’agroalimentare italiano da un punto di vista puramente tecnico è il risultato di un processo di stagionatura, ovvero disidratazione, della coscia di maiale.

Si tratta di una tecnica di derivazione etrusca, atta a conservare grandi pezzi di carne a lungo, tramite salatura.

Attenzione, però: il prosciutto crudo si ottiene solo dalla parte superiore della coscia del maiale. Il pezzo di crudo proveniente dalle zampe anteriori si chiama spalla, ed è organoletticamente inferiore (e non di poco).

Molti i prosciutti crudi italiani di alto livello, che differiscono per lievi caratteristiche. Insomma, la carta di identità di un buon prosciutto italiano (nei fuoriclasse iberici l’identikit cambia) è trasversale, e riassumibile più o meno così:

  • il grasso deve essere bianco chiaro. La presenza di colori che virano verso il giallo indica irrancidimento;
  • la marezzatura, ovvero la presenza di venature grasse nella carne, deve essere presente, ma limitata;
  • il colore della carne sarà uniforme. Avete presente i prosciutti fatti in casa, che spesso sono più scuri al centro? Saranno pur genuini, ma male stagionati (pensateci, sono mollicci e sanno un pò di sangue);
  • sempre sul colore: quello giusto è rosso rosato tenue e, soprattutto, opaco. Una tinta lucida – apparentemente attraente – indica invece la presenza di coloranti e conservanti. Proprio come con il gelato (lo sapevate? I migliori gelati hanno tinta opaca);
  • la fetta di prosciutto avrà consistenza media: né molle, né legnosa;
  • capitolo odori. Facilissimo: il profumo deve essere attraente. Un grande prosciutto ha una nota centrale di carne salata, poi di frutta secca data dalla maturazione, e una lieve di spezie, presenti nella sugna (che è l’impasto grigio chiaro utilizzato a sigillare il prosciutto nel lato dove è stato separato dal resto del corpo), che viene preparata secondo ricette che variano da zona a zona;
  • Niente pelliccia, cuoi, sangue, menchemeno mangime. Tutti odori riconducibili a scarsa qualità. Delle carni e della lavorazione.

E veniamo alla nostra beneamata Pesca Saturnia ®. La finezza richiede un accostamento ad un prosciutto fine (escluderemmo dunque i pur eccellenti Toscani, Norcini, delle Nebrodi) ma saporito (dunque nemmeno il Parma).

Insomma, a nostro parere il migliore Prosciutto crudo da avvicinare alla Pesca Saturnia ® è il San Daniele.

L’aroma è delicato e diventa più intenso con il protrarsi della stagionatura.

Si possono riconoscere sfumature tostate (crosta di pane), note di frutta secca e malto d’orzo. Il sapore è delicato, la sapidità e gli aromi tipici della carne stagionata si fondono insieme producendo una piacevole e appagante sensazione in bocca. Alla masticazione la fetta è tenera, si scioglie in bocca.

A nostro parere, una sponda perfetta per la Pesca Saturnia ®.

1034

Pesca Saturnia ®

E buon appetito (e vedete di non abbuffarvi, come abbiamo fatto noi…)

One thought on “P&P. Pesca Saturnia ® & Prosciutto. Crudo, ovviamente

  1. Pingback: la Pesca Saturnia ® alla Luma – capitolo III | Pesca Saturnia ®

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *